…e se adottassimo un bimbo?

Cinque anni fa decidemmo che fosse giunto il momento di completare la nostra famiglia… naturalmente davamo per scontata la possibilità di avere un figlio, quasi ‘a comando’, secondo i nostri tempi e desideri…

Come potete ben immaginare questo non avvenne, ed allora ebbe inizio un’interminabile serie di esami, di terapie e di tanti tanti… fallimenti!

Se ripenso a quei giorni, così lontani (ma al contempo così vicini), sento ancora le lacrime rigarmi il viso e il vuoto riempire il mio cuore. Mese dopo mese sia io che Daniela abbiamo rischiato di essere travolti da un gorgo di crisi personali e periodi bui, di silenzi e di profonda tristezza. La nostra forza è stata quella di riuscire a restare sempre vicini, di sostenerci a vicenda per risollevarci anche nei momenti più difficili. Per chi non vi è passato tutto ciò può apparire un’esagerazione, forse una forzatura a fronte dei mille problemi “più seri” che potrebbe riservare la vita, ma per noi è stata davvero dura: non per nulla gli psicologi definiscono il superamento di queste crisi dovute all’impossibilità di avere figli biologici come “l’elaborazione del lutto”.

Per la nostra elaborazione è stato fondamentale ripensare ai tanti progetti fatti da “giovani”, mentre lentamente maturava in noi un’idea, un sogno sino a quando arriva il giorno che ricorderò per sempre…

…eravamo seduti in spiaggia in riva al lago e mi sono girato a guardare Daniela negli occhi dicendole: “ma perché non adottiamo un bimbo?!?”

Sono bastati pochi istanti ed uno stupendo sorriso le ha illuminato il viso, allontanando da noi la tristezza degli anni precedenti per lasciare il posto alla speranza del nostro nuovo progetto!

Annunci

7 thoughts on “…e se adottassimo un bimbo?

  1. da novembre io e mio marito siamo diventati i felicissimi genitori di un bellissimo bambino etiope che ora ha 15 mesi. Vi auguro la stessa nostra immensa felicità

      • noi abbiamo adottato con la Pro-Etiopia Infanzia, un intermediario svizzero. Mio marito è svizzero e io mi sono trasferita in Ticino. Vi auguro di partire presto. A che punto siete delle pratiche?

    • Noi siamo in attesa di abbinamento e quindi della prima partenza x l’Etiopia. Sarebbe bello confrontarsi e vedere le differenze tra Italia e svizzera. Il nostro ente (centro aiuti per l’Etiopa) ha un nutrito gruppo a Gallarate (Va) molto vicino alla Svizzera e magari se vorrete potreste anche trovare appoggio e sostegno. Recentemente abbiamo conosciuto Chiara, una carinissima neo mamma che definirei italo-svizzera-australiana che ha aggiunto alla sua vita un “tassello” etiope bellissimo e vivacissimo. Anche loro hanno adottato in Svizzera… penso proprio che tutti noi tenderemo a sentirci un po’ meno europei e sempre più etiopi. Un bacione. Ale

      • Ho sorriso leggendo la vostra risposta perché io sono di Gallarate e ho conosciuto il bellissimo bimbo di Chiara a Addis Abeba. Ho appena preso contatto con lei per darle delle foto tramite un’amica comune. Non conosco il vostro ente, ma mi piacerebbe confrontarmi con voi e con altri che hanno vissuto la medesima esperienza. Credo che hai ragione quando dici che diventeremo tutti un po’ più etiopi. La nostra storia di adozione è stata un po’ strana per tempistica e burocrazia….e fortuna! L’iter è stato velocissimo e in un attimo (quasi) ci siamo ritrovati genitori della nostra piccola peste. Vi lascio la mia mail per poterci contattare se lo desiderate. A me farebbe molto piacere !
        uligat@yahoo.it

  2. vi auguro tanta tanta fortuna e felicità. Vi capisco benissimo quando dite che “si pensava di avere un figlio a comando”, purtroppo non é così evidente!!
    Mi auguro che anche io e mia moglie arriveremo alla decisione di adottare un bimbo!!

    Auguri di cuore

    CM

    • Noi siamo in attesa dell’arrivo di nostro figlio/a ed il percorso che abbiamo fatto e stiamo facendo e’ impegnativo ma bellissimo! L’associazione a cui ci siamo affidati e’ una grande famiglia, abbiamo trovato veramente dei nuovi e grandi amici, insomma quello che posso dirti e’ di non avere paura perché e’ un percorso meno complicato di quello che può apparire. Ora viviamo in attesa ma sempre con il sorriso sul viso e nel cuore. Se hai bisogno di qualche info o voglia di parlare… Io ci sono! Ale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...